I PRODUTTORI DI ARANCIA METALMECCANICA A CESANO

Domenica 18 aprile è arrivata un po’ di Sicilia a Cesano Boscone. Alla Cooperativa di Via Roma infatti c’è stato un incontro con i produttori di arance del Consorzio “Mille papaveri rossi” di Francofonte, un piccolo comune di tredicimila abitanti della provincia di Siracusa.
L’iniziativa è stata organizzata dall’Associazione BuonMercato, il nuovo gruppo di acquisto solidale con sede nel centro di Corsico, che ha già 400 iscritti, che acquistano, prenotandoli dal portale www.buonmercato.info, direttamente dai produttori, per la maggior parte biologici e del Parco Agricolo Sud Milano.
Durante l’incontro si è fatto un bilancio della campagna “Arancia Metalmeccanica”, promossa da Rifondazione Comunista ma che ha subito coinvolto diverse realtà nel milanese, che ha l’obbiettivo di sostenere i lavoratori e le lavoratrici delle aziende in crisi tramite la vendita di arance biologiche prodotte nel rispetto del territorio e dei diritti dei lavoratori.
Partita a gennaio 2010, in pochi mesi ha distribuito 10 tonnellate di arance e più di 5.000 € alle RSU delle aziende coinvolte che hanno permesso di sostenere le loro lotte.
Nel sud ovest di Milano la solidarietà è andata ai lavoratori della Maflow, azienda di Trezzano sul Naviglio in amministrazione straordinaria, con 300 posti di lavoro a rischio a causa di una speculazione finanziaria e a una gestione discutibile della dirigenza.
Nel contempo si sono sostenuti i piccoli produttori di arance siciliani, strozzati dai prezzi del mercato della grande distribuzione, che paga agli agricoltori solo 4 centesimi al kg, che invce con la vendita diretta hanno potuto ottenere 40 centesimi al kg, arrivando al consumatore a 0,85 €/kg, contro l’euro o più dei supermercati.
I rappresentanti del consorzio ci hanno raccontato come questa esperienza sia ancora una goccia nel mare, ma che comunque se ne è parlato molto anche nel loro paese, dove alcuni piccoli produttori hanno potuto vendere tutta le loro arance direttamente ai consumatori, rendendosi conto che c’è una alternativa fattibile al mercato tradizionale.
Gli ospiti siciliani hanno sottolineato anche come questa campagna abbia dopo molto anni unito i lavoratori della campagna e della città, oltre al rispetto per l’ambiente e per un alimentazione sana, e che quindi è importante che continui per portare avanti questa logica di solidarietà e consumo critico.
Nell’attesa delle prossime arance la campagna continuerà con altri prodotti, come il riso del Parco Agricolo Sud Milano, per sostenere anche in questo caso il territorio, i piccoli produttori e i lavoratori delle aziende in crisi, che purtroppo sono ancora molte nel milanese e in Italia.

Dario Ballardini
Presidente Associazione BuonMercato

DIstribuzioni